Terme di Viterbo: Parco termale del Bagnaccio

Terme di Viterbo: Parco termale del Bagnaccio

Calda acqua termale, un parco verde, la pace della natura, cosa desiderare di più? Se state cercando un luogo dove riposare corpo e mente allora puntante il navigatore in direzione delle terme del Bagnaccio.

Il Bagnaccio è un incantevole parco termale che sorge a nord di Viterbo, lungo l’antica Via Francigena. Il parco termale, un tempo noto come “Aquae Passeris”, attira un numero crescente di turisti che arrivano da ogni parte d’Italia e d’Europa durante tutti i mesi dell’anno. È utile ricordare, infatti, che le caldissime acque termali della zona rendono fruibili queste risorse naturali anche in pieno inverno. I vapori sprigionati dall’acqua, che sgorga a 63°, permettono di immergersi anche con temperature rigide. Alle terme del Bagnaccio troverete 6 vasche di acqua termale, a diversa temperatura, così da soddisfare tutte le esigenze.

Le acque delle sorgenti del Bagnaccio sono di tipo solfato/bicarbonato/alcalino terrose debolmente solfuree, ipertermali. Le origini dello sfruttamento delle acque termali, a fini terapeutici e di bellezza, risalgono al periodo Etrusco-Romano; tutto il territorio circostante al Bagnaccio, infatti, è disseminato di numerosi resti di antiche terme romane. Nel corso dei secoli le terme del Bagnaccio sono state sempre molto utilizzate, grazie anche alla vicinanza con l’antica Via Francigena. I pellegrini, provenienti da ogni parte d’Europa e diretti a Roma, frequentavano le terme del Bagnaccio. Le soste nelle calde acque termali permettevano al corpo di riposarsi e di prepararsi in vista dell’arrivo a Roma.

 

Per ulteriori info: http://bagnaccio.it/