La Via Francigena a Viterbo – L’Arrivo

La Via Francigena a Viterbo – L’Arrivo

1. L’arrivo a Viterbo 

La città di Viterbo è al centro di un flusso turistico importante che negli ultimi anni si è diffuso enormemente: il turismo Slow. La riscoperta del piacere della camminata lenta, dell’attraversare paesaggi naturali incontaminati, del ripercorrere antichi tracciati, conduce un numero sempre maggiore di turisti alla riscoperta della Via Francigena. Questo tracciato, che percorrevano i pellegrini provenienti da tutta Europa (partendo dal sud della Francia con destinazione Roma), attraversa anche la bellissima città di Viterbo.

Chi decide di arrivare a Viterbo percorrendo la Via Francigena, e arrivando quindi dalla zona nord, incontra lungo il cammino uno stabilimento termale. Le acque termali di Viterbo, note da secoli, venivano sfruttate per le proprietà curative e rilassanti già dai primi pellegrini durante il Medioevo. La sosta nelle piscine naturali, colme di calda acqua termale, rappresentava un vero toccasana dopo un lungo cammino; ciò consentiva di recuperare le energie necessarie per compiere l’ultimo tratto della Francigena e giungere, così, alla città Eterna.

Percorrendo la Via Francigena, ed entrando nella città di Viterbo, vi ritroverete a seguire un cammino fino al cuore del centro storico. Serve oggi un lavoro di immaginazione per raffigurarsi la Via Francigena che tagliava la Città dei Papi in epoca medievale; oggi in molti punti l’antico tracciato è stato assorbito completamente dall’asfalto.

L’ingresso al cuore della città avviene attraverso un’antica porta della cinta muraria, quella che guarda verso nord, chiamata appunto Porta Fiorentina. La porta, di dimensioni molto grandi, nel corso degli anni, è stata più volte sottoposta a modifiche e ricostruzioni, in modo particolare dopo i bombardamenti della guerra.

Appena varcata la porta, davanti agli occhi del turista, appare uno scenario ricco e suggestivo: quello di piazza della Rocca. Posizionata in bella vista una grande fontana: la bellezza delle sue forme e l’accuratezza delle sculture arrivano dalla mano del Vignola, al tempo impegnato nella decorazione di Palazzo Farnese a Caprarola.

Il percorso della Via Francigena vi porterà nel cuore del quartiere medievale di San Pellegrino, approfittate lungo il tragitto per visitare anche piazza del Plebiscito, che ospita il Palazzo dei Priori. Tenete a portata di mano lo smartphone poiché all’interno di questo edificio troverete bellissime sorprese: le sale, che si susseguono, sono decorate da incantevoli affreschi e opere d’arte. Prima di lasciare la piazza non dimenticate di ammirare la chiesa di Sant’Angelo in Spatha ed il sarcofago della Bella Galiana che si trova sulla facciata principale; durante la vostra vacanza a Viterbo sentirete spesso parlare della Bella Galiana!

Addentratevi, a questo punto, nel suggestivo paesaggio medievale che vi condurrà fino al Palazzo dei Papi. Soffermatevi ad ammirare piazza del Gesù dove troverete la chiesa di San Silvestro: dell’originaria struttura dell’XI secolo sono, ancora oggi, visibili le semplici linee romaniche nella scarna facciata. Lo stesso stile essenziale caratterizza l’interno della chiesa, definita posteriormente da una piccola abside, illuminata da due monofore e coperta da un sistema di capriate lignee. Sulla stessa piazza sorge la fontana del Gesù, una delle tantissime fontane antiche che abbelliscono le piazze di Viterbo. Composta da tre vasche sovrapposte di digradante grandezza, al centro della vasca inferiore si innalza un pilastro che regge una vasca circolare decorata da teste di leone.

Proseguite ora in direzione piazza della Morte, qui potrete ammirare una delle fontane più antiche di Viterbo, databile alla metà del 1200, dalla caratteristica forma a fuso. Preparatevi ora ad una grande sorpresa: una volta arrivati a piazza San Lorenzo potrete godere di uno spettacolo unico. In questa suggestiva piazza troverete la cattedrale, ma prima di entrare ad ammirare i particolari ambienti interni dedicate qualche istante alle caratteristiche porte d’ingresso.

Godetevi ora, infine, il meraviglioso Palazzo dei Papi. Risalente al 1257, è impreziosito da una maestosa scalinata che conduce alla bellissima Loggia dei Papi. Mentre all’interno ad attendervi un’enorme Sala del Conclave, una struttura che racchiude una storia unica e tutta da scoprire.

Altro dal sito...

Cinema Incantato – Caffeina Christmas Village

Da Venerdì 28 Dicembre a Giovedì 3 Gennaio alle 15.30 e alle 17.30 Ecco la programmazione del Cinema Incantato! I classici …

Sagra delle Castagne, gran finale con “Convivium Secretum” e “Il Castello dei Sapori”

Grande successo a Soriano nel Cimino per rievocazione e corteo storico. Venerdì 19 la gara gastronomica tra le contrade …

Beethoven a Viterbo – 18 Ottobre, inaugurazione Auditorium Università della Tuscia

Beethoven a Viterbo – Dal 18 ottobre al 4 novembre 2018 giovedì, 18 ottobre 2018 ore 17:30-19:00 Inaugurazione Auditorium …

La Campana da Fornace torna al Museo della Ceramica della Tuscia

La Fondazione Carivit presente a Parma insieme ad altre 87 Fondazioni bancarie La preziosa campana da fornace in terracotta, …

La Rievocazione Storica di Ferento III° Edizione

1 e 2 Giugno 2019 presso il  Teatro Romano di Ferento A breve maggiori informazioni…   Facebook Twitter Google+ …

6 Aprile – Nell’ambito di A teatro in famiglia: La storia di Hansel e Gretel

Nell’ambito di A teatro in famiglia La storia di Hansel e Gretel compagnia Teatro Crest sabato 6 aprile ore 18 Nell’ambito …

“PROFUMI D’AUTUNNO”, A BAGNOREGIO TORNA LA FESTA DELLE CANTINE

 Dal 12 al 14 ottobre il percorso con prodotti tipici e vini locali nel centro storico   Un fine settimana all’insegna …

Ricette d’amore

GIOVEDI’ 8 MARZO – TEATRO DELL’UNIONE ore 21.00 Compagnia teatrale Divieto di affissione Uno spaccato sul …

La léngua vitorbese – poesie in dialetto

Giovedì 17 maggio ore 11, nella sala assemblee Fondazione CARIVIT ultimo atto del primo premio per la miglior poesia in …