La Via Francigena a Viterbo – La Partenza

La Via Francigena a Viterbo – La Partenza

2. La partenza da Viterbo

Se amate il turismo lento, le lunghe camminate alla scoperta di luoghi storici, il contatto con la natura e le storie antiche allora siete nel posto giusto. La città di Viterbo è una delle tappe della lunghissima e incantevole Via Francigena.

Molto suggestivo è l’arrivo alla città di Viterbo, che guida il pellegrino attraverso la scoperta della bellezze del luogo, entrando da Porta Fiorentina fino al Palazzo dei Papi.

Altrettanto bella e suggestiva è la partenza da Viterbo, ma non prima di aver visitato anche la straordinaria zona medievale. Nel cuore della città approfittate per ammirare strade, piazzette e palazzi storici del quartiere San Pellegrino. Vi ritroverete proiettati in una dimensione arcaica, dove il tempo sembra essersi fermato. I colori dei materiali, lo stile architettonico, le decorazioni, ogni cosa vi aiuterà ad immergervi completamente in questa atmosfera medievale. Percorrete via San Pellegrino, dove gli antichi edifici in pietra, splendidamente conservati, saranno lo scenario perfetto di scatti indimenticabili. Arrivate nella deliziosa piazza Scacciaricci, troverete un edificio con un suggestivo profferlo, tipico della città. Questo elemento architettonico era simbolo del prestigio e della potenza della famiglia che abitava il palazzo. Il profferlo, che può rappresentare anche un elemento decorativo, aveva in realtà finalità funzionali e difensive. Negli edifici con profferlo la sporgenza di questa costruzione garantisce la copertura dello spazio sottostante, che generalmente veniva utilizzato per attività commerciali, e la protezione dell’ingresso dell’abitazione.

Proseguendo nella passeggiata arrivate a piazza San Pellegrino. Il caratteristico Palazzo degli Alesssandri presenta un profferlo diverso, incastonato nel muro perimetrale. Molto suggestiva la facciata del palazzo, abbellita da particolari finestre. Infine, dedicate qualche istante alla visita della chiesa di San Pellegrino. Le linee eleganti, i materiali chiari e l’aspetto semplice di questo luogo di culto rendono la chiesetta, da sempre, protagonista di numerosi scatti fotografici dei turisti.

Per riprendere l’antico cammino della Via Francigena tornate al Palazzo dei Papi e scendete fino all’antica Porta di Valle. Questa antica porta fu poi sostituita da quella di Valle Favl e, nel corso degli anni, è andata incontro a vari interventi di restauro. Accanto alla porta è ancora visibile l’abside dell’ex abbazia della Palomba. Non perdete l’occasione, inoltre, di scattare una foto anche alla Torre della Bella Galiana. La Torre a pianta quadrata, restaurata alla fine degli anni ’70, rappresenta un bellissimo esempio dell’architettura medievale. Al centro della torre è possibile vedere la finestra da cui si narra che si affacciò la bella Galiana, una storia viterbese che vale la pena approfondire.

Preparatevi a lasciare il centro della città e incamminatevi lungo la suggestiva strada del Signorino. Questo tracciato ha origini antichissime, risalenti addirittura agli etruschi, e si tratta di un profondo percorso seminterrato scavato nel tufo. Un luogo suggestivo e unico, le pareti di tufo in alcuni punti raggiungo anche i 10 metri di altezza!

A questo punto la caratteristica Via Francigena vi condurrà attraverso un percorso a stretto contatto con la natura: prati verdi, erbe spontanee e fiori di campagna vi faranno compagnia in questo inimitabile cammino.