La “Randonnée Castrum Viterbii”: la passeggiata-escursione tra sport e cultura

La “Randonnée Castrum Viterbii”: la passeggiata-escursione tra sport e cultura

Nell’anno dell’Olimpiade che ha visto l’Italia vincere l’oro e settare il nuovo record mondiale per l’inseguimento a squadre, anche Viterbo sceglie di celebrare questo magnifico sport, che tanto ha dato ai fisici, alle anime ed al divertimento degli italiani, cresciuti anche con le cronache al cardiopalma degli inseguimenti di Coppi e Bartali, descritti all’epoca come dei novelli Ettore ed Achille, eroi epici in lotta per la conquista del titolo di eroe e campione del proprio schieramento.
Domenica mattina anche Viterbo ha voluto celebrare una parte dei suoi appassionati ciclisti e lo ha fatto grazie alla Randonnée, voluta ed organizzata dall’associazione Tuscia Bikers MTB.
L’appuntamento è stato alle ore 7 a Piazza dei Caduti, nella caligine mattutina del primo autunno; con i saluti del sindaco Arena e dell’assessore Marco De Carolis, il corposo gruppo di ciclisti ha pedalato lungo tutto il percorso della cicloturistica attorno ai Cimini che abbracciano la Città dei Papi. Si è potuto scegliere fra due tragitti: il primo da 70 km. con 1.600 mt. di dislivello e il secondo da 40 km. con 1.100 mt. di dislivello, per permettere anche ai meno allenati di poter comunque trascorrere una mattinata dedicata all’attività fisica ed alla compagnia nel verde.
La formula è stata infatti quella della “Randonnèe”, parola francese che si può tradurre come passeggiata-escursione. Una prova dunque senza classifica, su distanze medie e per ciclisti appassionati, in nome dell’inclusività.
Nel pomeriggio poi, con la collaborazione dell’Ufficio Turistico e grazie alla sapiente guida offerta dalla dottoressa Alessandra Petra, si è tenuto un tour per il centro storico di Viterbo per far scoprire le storie e le bellezze custodite dai suoi palazzi, dai suoi vicoli e dalle sue fontane.