Itinerario storico, artistico e gastronomico a La Quercia

Itinerario storico, artistico e gastronomico a La Quercia

Durante la visita a Viterbo puntate il navigatore in direzione La Quercia, la piccola frazione della città che custodisce un tesoro molto prezioso: la basilica santuario di Santa Maria della Quercia.

Arrivati nella caratteristica piazzetta troverete un’imponente chiesa, il più importante santuario della città. Una sorpresa incredibile trovare una basilica così grande, e così ricca, inserita in uno scenario semplice come la frazione della Quercia.

Entrando all’interno della basilica si resta senza parole per lo stupore, le decorazioni sono di una bellezza travolgente, ogni parte è ricca e densa di significati. Servirebbero ore ed ore per osservare con attenzione ogni elemento artistico del santuario. Ad attirare lo sguardo dei visitatori è il soffitto a cassettoni, ricoperto in oro e progettato da Antonio da Sangallo.

Man mano che vi avvicinate all’altare preparate lo smartphone: troverete un bellissimo tempietto marmoreo che racchiude la tegola miracolosa con l’immagine della Madonna della Quercia.

Dopo aver visitato la basilica spostatevi nei chiostri. Il primo, chiamato della cisterna poiché in passato serviva proprio per raccogliere acqua piovana, risale al 1400. Di straordinaria bellezza, è incorniciato da 6 gruppi di arcate nei lati e maggiori e 5 in quelli minori. A questo se ne è aggiunto, successivamente, un secondo più grande. Adornato da fiori e piante, al centro si trova una bella fontana.

Terminata la visita fate un giro nella piazza e troverete prodotti tipici che sono una delizia per il palato. Nei forni locali fate una bella scorta di dolcetti tipici: dai tozzetti, realizzati con le nocciole dei monti Cimini, alle ciambelline, con vino o anice, fino alle prelibatezze al cioccolato e al miele della Tuscia.

Se amate il salato, o semplicemente è quasi ora di pranzo, troverete una pizza dal sapore indimenticabile. Tra i tanti gusti non dimenticate la pizza bianca, croccante o soffice, tanto amata e venduta, ogni giorno, in moltissimi forni della provincia, anche a diversi chilometri di distanza. Potrete accompagnare questa buonissima pizza con salumi e formaggi tipici della Tuscia, oppure con la porchetta locale, preparata secondo la tradizione viterbese.

Altro dal sito...

Chiesa di San Giovanni Battista (o del Gonfalone)

Durante la visita al quartiere medievale di Viterbo passerete sicuramente davanti alla chiesa di San Giovanni Battista, chiamata …

Chiesa di San Pietro

Posizionata subito fuori le antiche mura cittadine, di fronte a Porta San Pietro, troverete la chiesa dedicata al santo. …

Festival Barocco Alessandro Stradella, Dal 1 al 16 Settembre

Programma 2018 Concerto di apertura Sabato 1 settembre 21:00   Viterbo, Chiesa di S. M. della Verità ESTER, LIBERATRICE …