Il trasporto della Macchina di Santa Rosa

Il trasporto della Macchina di Santa Rosa

Uno spettacolo unico al mondo, indescrivibile, emozionante. Chi assiste al trasporto della Macchina di Santa di Rosa per la prima volta resta a bocca aperta, chi segue questo evento con passione torna ogni anno per partecipare ad uno spettacolo di rara bellezza.

Riconosciuto dall’Unesco come patrimonio immateriale dell’umanità è la principale festa della città di Viterbo. Ogni anno, in occasione di questo straordinario evento, arrivano alla città dei Papi migliaia di persone da ogni angolo d’Italia (e non solo!).

Il trasporto della Macchina di Santa Rosa è la festa viterbese per antonomasia, dedicata alla patrona Santa Rosa vissuta nel XIII secolo.

Il nome “Macchina di Santa Rosa” suscita sempre la curiosità di visitatori e turisti. La Macchina consiste in una torre illuminata da fiaccole e luci elettriche, che somiglia ad un alto campanile che si muove fra le vie della città. Molto spesso più alta delle case, la Macchina di Santa Rosa, durante la sfilata, illumina strade e piazze del centro di Viterbo. Realizzata con una struttura interna in metallo e materiali moderni, come la vetroresina, è alta circa trenta metri e pesa cinque tonnellate. Ciò che rende unico al mondo questo spettacolo non è solo il fatto che la Macchina di Santa Rosa viene portata, la sera del 3 settembre, per le vie di Viterbo, bensì che viene sollevata e portata a spalla da un centinaio di uomini chiamati “Facchini”. Il percorso, che si snoda nel cuore della città, è lungo circa un chilometro e, in alcuni punti, molto angusto a causa delle strade strette e della vicinanza con le case.

Il trasporto della Macchina di Santa Rosa prende avvio da piazza San Sisto, nei pressi di Porta Romana, dove la struttura viene assemblata nelle settimane precedenti. I Facchini conducono la Macchina di Santa Rosa fino al Santuario dove riposa il corpo della giovane. Durante il trasporto si effettuano cinque fermate:

  1. Piazza Fontana Grande
  2. Piazza del Plebiscito (di fronte al Comune)
  3. Piazza delle Erbe
  4. Corso Italia (davanti alla Chiesa del Suffragio)
  5. Piazza Verdi o del Teatro.

Al termine del trasporto la Macchina di Santa Rosa viene lasciata davanti al Santuario, dove rimane per alcuni giorni per permettere ai cittadini di poterla ammirare dal vivo in tutta la sua bellezza.

 

Altro dal sito...

Apertura straordinaria gratuita del Museo Civico

Apertura straordinaria del Museo Civico dal 26 Agosto al 30 Settembre Il Museo Civico “L. Rossi Danielli” sarà , ha …

I dolci di Carnevale: le Frappe

Una forma insolita, un profumo invitante, una consistenza fragrante: le Frappe conquistano proprio tutti, grandi e bambini! …

San Valentino alle terme di Viterbo

Siete alla ricerca di un’idea originale per stupire il vostro (o la vostra) partner nel giorno più romantico dell’anno? …

I dolci di Carnevale: i Ravioli con la ricotta

Un guscio fragrante racchiude un cuore morbido e delizioso: tra i protagonisti dei dolci di Carnevale brillano i Ravioli …

Alla scoperta dei segreti del faraone fanciullo

Venerdì 25 Maggio ore 17,30: Conferenza alla sala CE.DI.DO. (Palazzo dei Papi) del dott. Roberto Oriolesi dal titolo “ …

I dolci di Carnevale: le Castagnole

C’è chi le chiama Castagnole, chi Struffoli (o Strufoli), in ogni caso il dolcetto in questione è sempre lo stesso: …

Caprarola – Sabato del villaggio

Nuovo appuntamento, per il 16 febbraio (ore 16,30) , del SABATO DEL VILLAGGIO, questa volta dedicato alla GIORNATA DEL RICORDO …

Vetralla: Festa dell’olio

Il protagonista indiscusso della stagione annuale è l’olio extravergine d’oliva, un prodotto DOP tipico della …

Forme e colori – Museo Colle del Duomo

Mostra d’arte contemporanea “Forme e colore” presso il Museo Colle del Duomo di Viterbo, dove sarà ospitata …