Ferento, area archeologica aperta durante il lungo “ponte” pasquale

Ferento, area archeologica aperta durante il lungo “ponte” pasquale

L’area archeologica dell’antica città di Ferento (a 7 km di Viterbo-strada Teverina) , sarà accessibile durante l’intero periodo delle festività pasquali a partire da giovedì 18 aprile ininterrottamente fino a domenica 28 aprile compresi i giorni di Pasqua, Pasquetta e Festa della Liberazione (21 – 22 e 25 aprile) dalle 10,30 al tramonto. L’iniziativa è dell’associazione culturale Archeotuscia di Viterbo in collaborazione con e la Soprintendenza archeologica – Ministero per i Beni culturali.  Grazie al costante impegno dei volontari di Archeotuscia è possibile vedere da vicino i resti dell’antica città. La scorsa settimana quattro nuovi pannelli illustrativi sono stati apposti e inaugurati dall’associazione Archeotuscia onlus con il supporto della Fondazione Carivit accanto ai luoghi più significativi nell’area archeologica dell’antica città  e consentiranno ai visitatori di conoscere nei dettagli l’origine e la storia i singoli monumenti. Si tratta di pannelli contenenti notizie in italiano ed inglese sull’antico teatro romano, le terme, il decumano (che coincideva con l’antica strada Ferientensis) e le taberne, la domus (dimora romana composta da 21 stanze) e le cisterne. I testi sono stati redatti dall’archeologa Giovanna Ottavianelli (traduzione in inglese di Francesca Pandimiglio).

I resti dell’antica città di Ferento sono la testimonianza di una lunga storia che la vide fiorire per diversi secoli. Nel 1172, i viterbesi, dopo una serie di scontri, la espugnarono e distrussero.  Oggi, dei trenta ettari sui quali si estendeva l’antica città di Ferento, prima romana e poi medievale, è possibile visitare,  una parziale, ma significativa area. Ferento ha dato i natali agli antenati dell’imperatore Marco Salvio Otone, marito delle più nota Poppea, uomo politico che ebbe il potere per pochi mesi nel 69 d.C., e a Flavia Domitilla maggiore, seconda moglie dell’imperatore Vespasiano, madre di  Tito e Domiziano, anch’essi imperatori della famiglia Flavia.

Campagne di scavo eseguite  all’inizio del XX secolo e negli anni successivi, hanno consentito di riportare alla luce straordinari reperti archeologici e impianti risalenti all’epoca romana tra cui il monumentale teatro, luogo di spettacoli estivi da oltre mezzo secolo.

Archeotuscia onlus – Viterbo

Info visite: 328 7750233

 Internet: www.archeotuscia. com   e mail: archeotuscia@gmail.com

 

 

 

Altro dal sito...

Uscite le date delle prossime passeggiate sulle vie dell’esilio di Santa Rosa

Gli organizzatori dell’evento “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa”, hanno concordato le date delle quattro …

15 Settembre – Cinema in Piazza Castello a Bagnaia

Sabato 15 Settembre Piazza Castello, Bagnaia – Viterbo Tuscia Film Fest presenta: “The Place” di Paolo …

18 Maggio – Vivi le Terme con Gusto

✅✅ Nuovo appuntamento con VIVI LE TERME CON GUSTO  ✅✅ Sabato 18 maggio dalle 9.00 alle 20.00 …

Viterbo città dei Papi

Viterbo è definita da secoli la città dei Papi, in memoria del periodo in cui la sede papale fu appunto spostata in questa …

Cene Facchini, disattivata fermata ascensore per piazza San Lorenzo

Si comunica che, in occasione delle cene in piazza dei Facchini di Santa Rosa, ovvero questa sera, domani e venerdì, sarà …

4 Maggio – Siamo come siamo forse – Teatro dell’Unione

sabato 04 maggio 2019 ore 21:00 Teatro dell’Unione di Viterbo L’altro lato della luna di coop.sociale GEA onlus Nepi …

La Città di Viterbo e Santa Rosa – Visita guidata

La Città di Viterbo e Santa Rosa, un percorso nella storia e nella tradizione. Un viaggio per scoprire i monumenti più …

5 Maggio – Giornata Internazionale dell’Ostetrica – Museo della Ceramica della Tuscia

📍 Domenica 5 maggio, dalle 10 alle 13, mattinata straordinaria al consultorio familiare di Viterbo con Museo Outdor. …

Ufficio Turistico – Visite Guidate Settembre 2018

Di seguito l’elenco delle visite guidate organizzate per il mese di Settembre: Sabato 1 ore 15.30 In visita alla Viterbo …