CIRCOMARE TEATRO in “ABDULIN MANGIAVERDURE”

CIRCOMARE TEATRO in “ABDULIN MANGIAVERDURE”

Teatro in Famiglia
Circomare Teatro
in
“Abdulin Mangiaverdure”
Sabato 18 settembre ore 17
Abdulin, odierno Arlecchino, proviene dal paese dei Mangiaverdura ed emigra in cerca di fortuna. Purtroppo nel paese in cui approda è stato vietato, con un editto del Presidente, l’ingresso a persone che mangiano verdure. Capitan Ué ué e Colombina lavorano nel centro di accoglienza migranti e sono chiamati a sorvegliare affinché l’editto venga rispettato.
Lo spettacolo, tutto in filastrocche, vuol sensibilizzare sul tema del rispetto reciproco trattandolo in modo molto semplice e di facile comprensione anche per i bimbi più piccoli.
DOVE:
Quartiere san Pellegrino Viterbo n. 49 “Eta Beta e il Papavaro”
INGRESSO RISERVATO AI SOCI CON GREEN PASS
Per poter assistere agli eventi della Rassegna – Teatro e Musica “La Cultura al Centro ” – necessita la registrazione al Tetraedro A.P.S.
Se anche tu condividi gli stessi nostri scopi sociali: di promozione culturale, di formazione e crescita umana e di integrazione sociale, puoi fare richiesta d’iscrizione inviando i dati di ogni singolo partecipante.
-Nome e cognome
-Data e luogo di nascita
– indirizzo e città di residenza
All’indirizzo:
compagniatetraedro@gmail.com
o un msg whatsapp al
349 1591280
I dati, con la prenotazione, dovranno essere inviati entro 48 ore, prima dell’evento prescelto, non è possibile fare l’ iscrizione il giorno dell’evento,
ti manderemo una mail di conferma.
Per eventuali prenotazioni successive all’iscrizione, o per chi è in possesso della tessera degli anni precedenti, basterà inviare solo il nominativo dei partecipanti indicando l’evento prescelto sempre alla mail o al numero segnalato.
– capienza max 100 posti
– Tutti i locali che ospitano la Rassegna sono a norma :
PROTOCOLLO SICUREZZA SUL LAVORO – GESTIONE COVID-19
Grazie
Tetraedro
Il Concerto/spettacolo è inserito nel cartellone dell’Estate viterbese, “La Cultura al Centro“ dal 12 /9 al 31/10 per la direzione artistica di Francesco Cerra.
Un progetto nato da un’idea del Tetraedro A.P.S. e realizzato con il contributo della Fondazione Carivit e Comune di Viterbo.
Una manifestazione di elevato valore artistico che diventa anche momento di integrazione e inclusione grazie alla collaborazione con gli Enti e le Associazioni che lavorano con il mondo della disabilità.
L’evento si svolgerà nel complesso della parrocchia di Santa Maria Nuova, in Via San Pellegrino 49, concesso dal parroco Don Mario Brizi e dalla curia di Viterbo ed oggi riqualificato con l’attivazione dei centri estivi del progetto “Eta Beta e il Papavero”, realizzati dall’associazione Eta Beta ODV e dalla cooperativa Gli Anni in Tasca, in collaborazione con la TSMREE (Tutela Salute Mentale Riabilitazione Età Evolutiva) e UOSDA (Unità Operativa Semplice Disabile Adulto) della ASL di Viterbo e con l’Assessorato alle politiche sociali del Comune di Viterbo.
Oltre ai tanti artisti che si esibiranno, tra i protagonisti delle serate ci saranno ragazzi con disabilità che frequentano il centro Eta Beta.
Alcuni di loro, dopo aver partecipato a un workshop sulla gestione degli eventi, saranno impegnati nella gestione della location e nell’accoglienza del pubblico; altri, con attestato HACCP, coadiuvati da chef ed operatori del settore, si occuperanno degli aperitivi e delle cene che accompagneranno gli eventi; altri ancora, infine, faranno parte di una delle compagnie teatrali che si esibiranno.
“‘La Cultura al Centro’ è un luogo non luogo, unico nel suo genere – inserito in una location davvero suggestiva, di giorno aperta per i laboratori e le attività diurne dei ragazzi, di pomeriggio e sera per godere insieme di aperitivi, cene, musica dal vivo e spettacoli“.