19 Aprile – Passione, il Nostro Signore Gesù Cristo, Venerdì Santo a Bagnaia

19 Aprile – Passione, il Nostro Signore Gesù Cristo, Venerdì Santo a Bagnaia

19 Aprile 2019 ore 21.30

Parrocchia S. Giovanni Battista

Venerabile Confraternita dei SS. Carlo e Ambrogio e Comitato Pro Venerdì Santo

La rievocazione storica della Passione di Cristo nasce nel lontano 1618, ad opera del medico ternano Michelangelo Carocci, trapiantato nel borgo di Bagnaia per motivi professionali e nella figura giuridica della Confraternita di San Carlo, che, sensibile al problema del tempo, ideò, per tenere unita la propria gente, il rivivere nel senso cristiano e del sentimento umano, la sorte di Cristo nella passione e morte. Realizzò, così, la costituzione di personaggi che rappresentassero, sfilando, i momenti salienti e cruciali della Passione, con l’aiuto dei Confratelli e di persone sensibili e devote. La rievocazione è entrata così nella storia del paese, la sua rappresentazione fu sospesa, solamente, per eventi bellici. Dopo alterne e contingenti vicende fu definitivamente ripristinata nel 1902 con umili mezzi, e senza pretese, solo ed esclusivamente per fede, da alcuni uomini, in maniera speciale da parte del benemerito Vincenzo Cencioni, che per molti anni e con pochi mezzi di fortuna, coadiuvato da un manipolo di volenterosi paesani, riuscì a organizzare la passione in poche sequenze di quadri. Dopo la morte di Vincenzo, toccò al figlio Pietro e al cugino Giovanni Maria portare avanti il lavoro iniziato, fino ad arrivare nell’anno 1967 con la costituzione del Comitato Permanente Pro-Venerdì Santo. Oggi la rievocazione storica si mostra imponente, sia per la ricchezza e varietà dei costumi, ricostruiti fedelmente su indicazione storica, e sia per l’alto numero di figuranti che rappresentano la passione di Cristo. Fedeli alla tradizione dei fondatori, essi sfilano in sequenza per 18 quadri plastici, che si snodano per le vie del borgo della ridente cittadina di Bagnaia, coinvolgendo il pieno centro storico. Con umiltà, come è nata, essa continua a vivere, con amore, tenacia e sacrificio al limite delle forze, perché noi che ne facciamo parte integrante, crediamo profondamente che, oltre al fatto religioso in se ed il valore che rappresenta, il nostro tempo, più di quello di allora, abbia urgenza e sete di Verità, amore e fratellanza vera, di quella molla che possa far superare il faziosismo, l’egoismo e tutte le altre fronde che sgretolano giornalmente, con il loro succedersi, la società umana, mettendo a rischio i giovani. La nostra iniziativa, il nostro lavoro, intende sanare anche questo, cercando di amalgamare, attraverso la preparazione storico-culturale-religiosa i circa quattrocento e più personaggi impegnati a far rivivere ciò che la realtà odierna tende a seppellire, perché scomoda: la nostra religione. Con umiltà ed insieme, vogliamo essere e realizzare un mondo migliore.

La Rievocazione Storica nell’ordine di sfilata alle 21.30

  • Apertura corteo cavalli con l’insegna S.P.Q.R.
  • 1° quadro: Gesù all’orto del Getsemani – Apostoli e Discepoli
  • 2° quadro: il Confortatore – Simboli della passione
  • 3° quadro: Giuda – il tradimento
  • 4° quadro: Gesù catturato
  • 5° quadro: il Sinedrio
  • 6° quadro: Anna
  • 7° quadro: Caifa
  • 8° quadro: Erode
  • 9° quadro: Pilato
  • 10° quadro: Ecce Homo!
  • 11° quadro: Gesù condotto al Calvario -3 cadute
  • 12° quadro: crocifissione e deposizione
  • 13° quadro: Maria segue Gesù con San Giovanni, le donne, Giuseppe e Nicodemo
  • 14° quadro: la Veronica
  • 15° quadro: il testamento di Gesù – Le 7 parole
  • 16° quadro: il Longino
  • 17° quadro: il ritorno del Calvario
  • 18° quadro: Cristo posto nel sepolcro