1° maggio – Ferento, area archeologica aperta anche per il “Ponte”

1° maggio – Ferento, area archeologica aperta anche per il “Ponte”

L’area archeologica dell’antica città di Ferento (a 7 km di Viterbo-strada Teverina), dopo essere stata meta, nei giorni scorsi, da un notevole flusso di visitatori, sarà accessibile anche durante il “ponte” del 1° maggio.
 
L’associazione culturale Archeotuscia di Viterbo in collaborazione con la Soprintendenza archeologica – Ministero per i Beni culturali, grazie al costante impegno dei soci volontari, dopo aver inaugurato quattro nuovi pannelli illustrativi apposti, con il supporto della Fondazione Carivit, accanto ai luoghi più significativi nell’area archeologica dell’antica città, terrà aperta l’area visitabile dei resti di Ferento durante il “ponte” del 1° maggio. Nel frattempo Archeotuscia ha già messo in moto la macchina organizzativa di un grande evento che si terrà il primo week end di giugno (sabato 1 e domenica 2). Sarà un sensazionale viaggio indietro nel tempo con “C’era una volta Ferento”, una rappresentazione storica che racconterà le vicende dell’antica città romana, con oltre cento figuranti in costume d’ epoca, per ricreare l’atmosfera dell’antico splendore della città
 
I resti di Ferento sono la testimonianza di una lunga storia che la vide fiorire per diversi secoli.
 
Nel 1172, i viterbesi, dopo una serie di scontri, la espugnarono e distrussero. Oggi, dei trenta ettari sui quali si estendeva l’antica città, prima romana e poi medievale, è possibile visitare, una parziale, ma significativa area: il meraviglioso teatro romano, l’impianto termale, il decomano massimo e una grande “domus” appartenuta ad una delle più ricche famiglie del I secolo d.C.
 
Ferento ha dato i natali agli antenati dell’imperatore Marco Salvio Otone, marito delle più nota Poppea, uomo politico che ebbe il potere per pochi mesi nel 69 d.C., e a Flavia Domitilla maggiore, seconda moglie dell’imperatore Vespasiano, madre di Tito e Domiziano, anch’essi imperatori della famiglia Flavia.
 
Campagne di scavo eseguite all’inizio del XX secolo e negli anni successivi, hanno consentito di riportare alla luce straordinari reperti archeologici e impianti risalenti all’epoca romana tra cui il monumentale teatro, luogo di spettacoli estivi da oltre mezzo secolo.
 
Per informazioni
Archeotuscia onlus – Viterbo
Info visite: 328 7750233
Internet: www.archeotuscia.com
e-mail: archeotuscia@gmail.com

Altro dal sito...

22° Meeting Nazionale Fiat 500 e derivate Città di Viterbo

Appuntamento 9 Settembre 2018   Facebook Twitter Google+ WhatsApp Telegram Facebook Messenger

La Viterbo di Santa Rosa – Visita guidata

Il settembre viterbese dell’ufficio turistico inizia con un una visita guidata nel centro storico della città, alla …

Teatro Unione – Saggio Flamenco

Teatro dell’Unione domenica 24 Giugno 2018 Saggio Flamenco – Dancerostudio dalle ore 17:00 alle ore 21:00 Il …

23 Dicembre – Concerto di Natale 2018

Domenica 23 Dicembre ore 21:00, Teatro dell’Unione Torna il grande concerto di Natale dell’Ensemble vocale Il Contrappunto …

2^ Festa della birra Grotte S. Stefano

In data Venerdì 27 Luglio 2018.   Appena disponibili saranno inserite maggiori informazioni. Facebook Twitter Google+ …

Concerto di Pasqua – Teatro dell’Unione

Domenica 21 Aprile ore 18:00 CONCERTO DI PASQUA Pianista ANDREA BACCHETTI ed il fenomeno Amadeus: da Mozart a Salieri Musiche …

Santa Rosa, una storia vera – Mostra didattica

In mostra alla sala Anselmi dal 28 Agosto al 5 Settembre Una mostra didattica dedicata interamente alla figura di Santa Rosa …

Torna la Befana 115, la discesa dall’orologio di Piazza del Comune

Domenica 6 gennaio torna la Befana 115. Subito dopo il tramonto, la simpatica vecchina si calerà dalla torre dell’orologio …

Giovedì 26 luglio Tramonti a Ferento, Barbara Bovoli in “Arianna ha perso il filo”

giovedì 26 luglio Tramonti a Ferento Barbara Bovoli ARIANNA HA PERSO IL FILO scritto e diretto da Barbara Bovoli Arianna …